Salta al contenuto principale

Agende Digitali Sociali

Il nuovo modello delle Agende Digitali Locali avviato dalla primavera del 2018 amplia l’ambito di azione delle stesse rafforzandone la natura di governo dell’insieme delle politiche locali in tema di digitale e ponendosi l’obiettivo di applicare le tecnologie digitali ai diversi temi oggetto dell’azione della Pubblica Amministrazione locale e degli altri attori operanti sul territorio impegnati in azioni di pubblico interesse.  

In tale contesto nasce l’iniziativa che inserisce il tema del sociale all’interno della programmazione relativa al digitale, unendo le finalità dell’Agenda Digitale dell’Emilia-Romagna (ADER) e delle Agende Sociali Locali.

Con il Piano operativo 2019 dell’Agenda Digitale dell’Emilia-Romagna è stato avviato il progetto AGIO, che si propone di definire e sviluppare un modello territoriale di trasformazione digitale dedicato al Welfare, attraverso la realizzazione di progetti e servizi di dimensione locale. In tal modo Lepida e ADER intendono declinare l’innovazione sociale con il welfare digitale, utilizzando il potenziale delle tecnologie digitali per raggiungere il maggior numero di persone possibile e garantire un accesso universale ai servizi, in particolare da parte dei soggetti a più alta vulnerabilità. 

AGIO è un modello di Agenda che integra a livello locale il tema dei servizi sociali con il digitale attraverso un piano di azione basato su obiettivi e visioni condivisi con i diversi soggetti interessati da un servizio specifico. Il tema è quello vasto del welfare, articolato in progetti di inclusione e coesione, verso le tante fragilità che toccano le diverse fasi della vita. Beneficiari sono gli enti territoriali, gli utenti dei servizi sociali, le associazioni che a vario titolo si occupano delle persone in difficoltà e le imprese di innovazione sociale che sono nate e cresciute in maniera importante negli ultimi anni.

AGIO si propone di offrire alle altre azioni in corso in tema di welfare - in particolare i Piani di Zona e l’attività dei Community Labs - l’opportunità di utilizzare al meglio a livello territoriale gli asset digitali a disposizione in termini di infrastrutture di reti e datacenter e piattaforme di servizio.