Salta al contenuto principale

Gestione delle Emergenze

Lepida si pone quale punto di riferimento per l'analisi, pianificazione e gestione di ambiti dell'emergenza, contribuendo a soluzioni digitali di interoperabilità tra dati e sistemi di diversi Enti Soci, con riferimento alla resilienza ambientale e alla sicurezza del territorio. Affianca gli Enti Soci nella ricerca ed esercizio di ecosistemi di dati geo-ambientali e di servizi applicativi che rendano più fruibile il patrimonio di dati e informazioni per la prevenzione e gestione delle emergenze sul territorio.

Lepida supporta l’Agenzia di sicurezza territoriale e protezione civile regionale nell’evoluzione dei sistemi digitali per la pianificazione, la rappresentazione di scenari di evento e la data visualisation, favorendo processi di cooperazione tra sistemi informativi di altri enti competenti nell’analisi e valutazione di diverse tipologie di vulnerabilità del territorio. Identifica azioni strategiche da mettere in campo con il sistema di protezione civile per avere massima continuità dei servizi critici in caso di emergenze.

Lepida supporta la Regione Emilia-Romagna nella definizione del piano di avvio del Numero di emergenza Unico Europeo 112 (NUE) secondo la legislazione europea e nazionale, quale punto semplificato di accesso per i cittadini ai servizi territoriali di emergenza. Rende disponibili al sistema regionale competenze tecnico-organizzative nella gestione di servizi complessi e altamente proceduralizzati e know-how di progettazione e gestione di soluzioni tecnologiche standardizzate e interoperabili.

Lepida gestisce tavoli di crisi per singole emergenze sotto il profilo sia tecnologico che territoriale; effettua analisi sulle emergenze e sulle procedure operative durante le emergenze tramite la mappatura dei rischi; mette a punto e applica a vari scenari metriche di analisi del rischio; collabora alla progettazione di living labs per l’impiego di metodologie di simulazione e valutazione degli effetti a cascata per le infrastrutture critiche del territorio, in presenza di minacce fisiche e cibernetiche.